Cosa dice Margot

WOTY : UNA PAROLA LUNGA UN ANNO

Da un po’ di tempo, con l’inizio del nuovo anno, oltre alla lista dei buoni propositi, si sente sempre più spesso parlare di woty. Ma che cos’è di preciso questa woty? E perché tutti la ricercano spasmodicamente?

Woty è l’acronimo di Word Of The Year, parola dell’anno appunto, parola che ti dovrà accompagnare e guidare per 365 giorni, un po’ la summa e il riassunto dei buoni propositi, la parola amuleto da invocare e applicare un po’ in tutti gli ambiti della vita, un fil rouge insomma che si possa intrecciare e annodare più e più volte per renderci più forti e consapevoli.

Ma come trovarla?

I metodi sono i più svariati, esistono addirittura siti che ti spiegano come trovarla; per me si tratta più di una questione di pancia, che si rivela all’improvviso illuminando come una lampadina diversi aspetti della propria esistenza.

Io per il 2017 non avevo ben chiara quale fosse la mia woty o meglio avevo un gran caos in testa, e forse è proprio “caos” che mi ha un po’ accompagnata sempre: al lavoro, in casa.

Per il 2018 invece ho voluto impegnarmi un po’ di più per trovarla, ci ho pensato per un po’ di giorni, poi come per magia nel corso di una mattinata mi sono arrivate da canali diversi un sacco di informazioni riguardanti la pianificazione, e ho capito che certi metodi potevo applicarli in tanti campi della mia vita che avevano bisogno di una regolata a partire dal lavoro, per passare dalla casa, alla dieta, all’esercizio fisico, alla scrittura di un blog.

Così ho capito che quest’anno più che mai ho bisogno di pianificare, di mettere nero su bianco cosa devo fare, come è in che tempi. Ho capito che la mia woty è planning.

La woty dovrà seguirci e ritornarci alla mente più e più volte durante l’anno proprio nei momenti in cui ce ne sarà più bisogno quindi se l’avete trovata costruitele una sorta di altarino, un posto sicuro ma che sia di facile accesso, in modo da leggerla quando serve. Io l’ho scritta in bella vista propio in una pagina del bullet journal, strumento per me ormai indispensabile che ho scoperto solo alla fine del 2017 e che mi ha permesso di non acquistare nessuna agenda per il 2018, ma di utilizzare un semplice quaderno.  Ma del bullet journal ne parlerò in maniera più approfondita più avanti perché è un argomento che mi sta molto a cuore e che mi ha aiutato molto nell’iniziare il mio cammino per essere più organizzata.

E tu hai trovato la tua woty per il 2018? Perché non me ne parli? Mi piacerebbe conoscerla.

 

 

Annunci

2 pensieri riguardo “WOTY : UNA PAROLA LUNGA UN ANNO”

  1. Ho letto tanto anche io in merito alla parola dell’anno ma non sapevo la abbreviassero woty. La mia woty penso che sia tranquillità intesa in tutte le sue forme: tranquillità emotiva soprattutto, ma anche fisica nel senso di smettere di fare sempre tutto di corsa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...